Pallavolo serie B1/F: prima di ritorno al palavolley, per la Piccini Paolo SPA

Inizia la fase discendente del campionato di Serie B1 femminile e la Piccini Paolo spa San Giustino, che ha “virato” con la netta affermazione sulla Lucky Wind Trevi e con un bilancio di 25 punti in 13 gare, ricomincia fra le mura amiche del PalaVolley (sabato 2 febbraio, ore 17) con le motivazioni a mille, perché – sportivamente parlando, s’intende – deve togliersi il classico sassolino dalla scarpa e riscattare il ko patito all’esordio lo scorso 13 ottobre, quando la Bionatura Nottolini Capannori si impose per 3-0, meritando senza dubbio la vittoria. In fin dei conti, nulla di straordinario: è la pura etica dello sport che suggerisce di impegnarsi a fondo per ottenere il massimo risultato, se non altro per dimostrare che il San Giustino di oggi ha acquisito quelle credenziali di cui era un tantino sprovvisto all’andata. Tutto ciò, comunque, non attenua le difficoltà insite nel match; la formazione di coach Becheroni è un blocco consolidato da tempo con nomi oramai noti da tempo: le schiacciatrici Beatrice Roni e Chiara Puccini; l’opposto Sofia Renieri, le centrali Erika Mutti e Arianna Magnelli, la palleggiatrice Sofia Migliorini e il libero Ilaria Miccoli. Un gruppo che fa della solidità e della grinta i suoi punti di forza, tanto più che le toscane si portano appresso da due settimane il dente avvelenato per la sconfitta di Cesena; si prevede quindi una interessante sfida, da parte loro, contro Tosti e compagne, che in quanto a requisiti caratteriali adesso non sono certamente da meno. Il tecnico nerofucsia Marco Gobbini può inoltre sorridere per i tempi di recupero di Elisa Mezzasoma: l’opposto della Piccini Paolo spa è a posto sul piano fisico, anche se ovviamente deve recuperare su quello della condizione, ma Giorgia Silotto si è rivelata nel ruolo una sostituta all’altezza della situazione, dando un apporto decisivo in occasione proprio dell’ultima partita. Una forte iniezione di fiducia per lei e per l’intero collettivo, che merita tutto il calore del pubblico per come si sta comportando sia in allenamento che quando va in campo per i tre punti. Con una classifica che continua a rimanere corta, è chiaro che la posta in palio rivesta sempre più un peso determinante e il discorso vale per entrambe, che continuano a mantenere nel rispettivo mirino la zona play-off. Se vogliamo, quindi, la gara è una sorta di mini-spareggio per continuare a coltivare obiettivi ambiziosi e la Piccini Paolo spa vuole mettere a frutto anche l’occasione offerta da un calendario che fino a inizio marzo la vedrà di scena più volte al PalaVolley. Il 6+1 iniziale dovrebbe essere pertanto il seguente: diagonale composta da Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, coppia centrale con Valentina Mearini e Francesca Borelli, a lato Silvia Tosti e Carlotta Romani e libero Nayma Galetti. A disposizione ci sono Elisa Mezzasoma, Stefania Betti, Laila Leonardi e Giada Marinangeli. Inedita coppia mista siciliana per la direzione del match: primo arbitro è Denise Galletti di Catania e secondo arbitro Daniele Amenta di Siracusa.

Annunci

Pallavolo serie C/M: successo al quinto set per il Città di Castello

PALLAVOLO CITTA’ DI CASTELLO – SIR SAFETY MERICAT 3-2 (21-25/19-25/25-12/25-17/15-8)

PALLAVOLO CITTA’ DI CASTELLO: Marini, Cipriani 22 Cherubini 5, Celestini 21, Sabatini 8, Mintacci 2, Riccardini 1, Cioffi (L), Monaldi 8,Pierini, Celestini E., Nardi, Cesari (L2), Pitocchi. All.Bartolini.

(b.v.7, b.s. 9, muri 14, errori 15)

Sir Safety Mericat: Rossetti, Pippi. Guerrini, Fagotto, De Matteis, Carbone, Magnino, Casagrande, Mele, Cicognola, Guerrini, Giusto, Bulletta (L1) Brozzi(L2).  Allenatore: Piacentini

 

Sudano le proverbiali sette camicie Marini e compagni contro i giovani della Sir Safety che per due set hanno tenuto in scacco la squadra tifernate. Registrati poi però alcuni meccanismi ed adeguatamente strigliati da coach Marco Bartolini, i ragazzi in maglia biancorossa rientrano in partita, vincono a mani basse il terzo set e quarto set e completano la rimonta con un tie break senza sbavature. Quindi è stata una partita dai due volti perchè gli ospiti hanno messo in difficoltà i ragazzi di Bartolini con la battuta e la connessione muro-difesa nonché con un contrattacco efficace poi, prese le misure soprattutto a Pippi, la partita è cambiata. Tra i tifernati sugli scudi Alberto Celestini e il solito Cipriani, autori rispettivamente di 23 e 22 punti ed anche del muro, a segno 14 volte.

Il successo, seppure da 2 punti, consente al Città di Castello di rimanere al comando della graduatoria con 3 punti di vantaggio sulla coppia formata da CLT Terni ed Italchimici Foligno che sarà la prossima avversaria dei tifernati. 

Pallavolo serie B1/F: Giorgia Silotto (Piccini Paolo spa) commenta la vittoria nel derby contro la lucky wind Trevi: “la forza e l’unita’ del gruppo i fattori determinanti per la conquista dei tre punti”

Da tre partite sta sostituendo Elisa Mezzasoma e sabato scorso ha letteralmente tirato fuori gli artigli. Quella contro la Lucky Wind Trevi è stata la vittoria ovviamente della Piccini Paolo spa, ma a suo modo è stata anche la vittoria di Giorgia Silotto, impiegata peraltro in un ruolo non suo, perché lei è una schiacciatrice alla banda e non un opposto. Lo scout parla di 13 punti, comprensivi di 4 muri vincenti, un ace e soluzioni variegate, di potenza come di precisione. Per non parlare ei provvidenziali interventi in difesa. Una prestazione determinante, la sua, ai fini del 3-0 netto in favore di San Giustino, pur senza la già citata Mezzasoma in posto 2 e con Carlotta Romani influenzata fino al giorno prima. È il caso allora di dire: più forti anche delle avversità? “Sì, perché siamo una squadra molto coesa – precisa Giorgia Silotto – e questo è un punto di forza straordinario per noi. La squadra si vede nei momenti di difficoltà: nel primo set, stavamo subendo la reazione del Trevi e abbiamo ripreso in mano la situazione al momento giusto proprio grazie alla nostra compattezza. Nessuna si è elevata sopra le altre, perché tutte ci siamo espresse ad alto livello”. E Giorgia Silotto è soddisfatta di come ha giocato? “Soddisfatta, più che mai, del mio comportamento: sono una che guarda alla singola partita. Quella di sabato scorso è andata bene, ma ora dobbiamo pensare alla prossima”. Diciamolo francamente, però: è stata la gara che ha segnato il tuo personale riscatto. Come hai vissuto il periodo in cui stavi in panchina? “Per mia caratteristica, sono una che non si arrabbia, né tiene il muso. Mi metto sempre a disposizione della squadra: se arriva il mio momento, bene; se debbo stare in panchina, sono pronta eventualmente per entrare”. Battuta, difesa e muro le armi in più della Piccini Paolo spa attuale? “Lo ribadisco: siamo molto unite e questo si traduce anche sul campo. Se una di noi si trova in difficoltà, le altre sono pronte a intervenire per aiutarla e per colmare così la lacuna”. Il campionato di B1 è arrivato al giro di boa: per voi, 25 punti in 13 partite, ovvero una media che praticamente è di 2 punti a gara. Si può parlare di bilancio eccellente? “Siamo quinte in una classifica molto corta, dove una vittoria ti porta su e una sconfitta ti fa scendere. Comunque sia, al momento è una stagione più che buona”. Fin dove può arrivare la squadra con il carattere e la mentalità che ha acquisito? “Senza dubbio, può continuare a navigare in posizioni medio-alte di classifica, purchè ragioni di volta in volta, partita dopo partita. Per pensare in grande, diventa fondamentale l’apporto di Elisa Mezzasoma e mi auguro che rientri al più presto”. Fine settimana di riposo, come accade a metà campionato, poi l’inizio della fase di ritorno con un altro impegno fra le mura amiche del PalaVolley, dove arriverà la Bionatura Nottolini Capannori. Stesso atteggiamento dell’ultimo match? “Sì, il Capannori è una compagine ostica, ma dobbiamo assolutamente farcela, se non altro per rispondere al brusco 0-3 dell’andata. Stiamo bene sul piano mentale e già questa non è cosa da poco, poi anche su quello fisico stiamo recuperando”.

 

 

Da tre partite sta sostituendo Elisa Mezzasoma e sabato scorso ha letteralmente tirato fuori gli artigli. Quella contro la Lucky Wind Trevi è stata la vittoria ovviamente della Piccini Paolo spa, ma a suo modo è stata anche la vittoria di Giorgia Silotto, impiegata peraltro in un ruolo non suo, perché lei è una schiacciatrice alla banda e non un opposto. Lo scout parla di 13 punti, comprensivi di 4 muri vincenti, un ace e soluzioni variegate, di potenza come di precisione. Per non parlare ei provvidenziali interventi in difesa. Una prestazione determinante, la sua, ai fini del 3-0 netto in favore di San Giustino, pur senza la già citata Mezzasoma in posto 2 e con Carlotta Romani influenzata fino al giorno prima. È il caso allora di dire: più forti anche delle avversità? “Sì, perché siamo una squadra molto coesa – precisa Giorgia Silotto – e questo è un punto di forza straordinario per noi. La squadra si vede nei momenti di difficoltà: nel primo set, stavamo subendo la reazione del Trevi e abbiamo ripreso in mano la situazione al momento giusto proprio grazie alla nostra compattezza. Nessuna si è elevata sopra le altre, perché tutte ci siamo espresse ad alto livello”. E Giorgia Silotto è soddisfatta di come ha giocato? “Soddisfatta, più che mai, del mio comportamento: sono una che guarda alla singola partita. Quella di sabato scorso è andata bene, ma ora dobbiamo pensare alla prossima”. Diciamolo francamente, però: è stata la gara che ha segnato il tuo personale riscatto. Come hai vissuto il periodo in cui stavi in panchina? “Per mia caratteristica, sono una che non si arrabbia, né tiene il muso. Mi metto sempre a disposizione della squadra: se arriva il mio momento, bene; se debbo stare in panchina, sono pronta eventualmente per entrare”. Battuta, difesa e muro le armi in più della Piccini Paolo spa attuale? “Lo ribadisco: siamo molto unite e questo si traduce anche sul campo. Se una di noi si trova in difficoltà, le altre sono pronte a intervenire per aiutarla e per colmare così la lacuna”. Il campionato di B1 è arrivato al giro di boa: per voi, 25 punti in 13 partite, ovvero una media che praticamente è di 2 punti a gara. Si può parlare di bilancio eccellente? “Siamo quinte in una classifica molto corta, dove una vittoria ti porta su e una sconfitta ti fa scendere. Comunque sia, al momento è una stagione più che buona”. Fin dove può arrivare la squadra con il carattere e la mentalità che ha acquisito? “Senza dubbio, può continuare a navigare in posizioni medio-alte di classifica, purchè ragioni di volta in volta, partita dopo partita. Per pensare in grande, diventa fondamentale l’apporto di Elisa Mezzasoma e mi auguro che rientri al più presto”. Fine settimana di riposo, come accade a metà campionato, poi l’inizio della fase di ritorno con un altro impegno fra le mura amiche del PalaVolley, dove arriverà la Bionatura Nottolini Capannori. Stesso atteggiamento dell’ultimo match? “Sì, il Capannori è una compagine ostica, ma dobbiamo assolutamente farcela, se non altro per rispondere al brusco 0-3 dell’andata. Stiamo bene sul piano mentale e già questa non è cosa da poco, poi anche su quello fisico stiamo recuperando”.

Pallavolo Città di Castello under 20/M: biancorossi corsari, in quel di Foligno

MAZZOCCHI FOLIGNO-PALLAVOLO CITTA’DI CASTELLO  1-3 (15-25/23-25/26-24/22-25)

CITTA’DI CASTELLO: Pierini, Cipriani 15, Pitocchi 6, Cioffi 14, Celestini E. 1, Montacci 10, Bacchi 11, Camilletti, Cesari (L), Giogli, Banelli. All. Bartolini.  

Nella seconda giornata del campionato provinciale Under 20 Città di Castello ha ragione in un match molto combattuto del Foligno e si porta al secondo posto in classifica dietro la Sir Safety Mericat PG. I tifernati di Marco Bartolini avrebbero potuto anche portare a casa un successo più netto in 3 set ma sul 19-23 della terza frazione si sono disuniti, consentendo ai padroni di casa di riaprire il match, poi subito chiuso nel quarto parziale. Tra i singoli ottime le prove dei soliti Cipriani e Cioffi, schierato come posto 4, ben coadiuvati da Bacchi e Montacci.

La squadra biancorossa ha comunque disputato una buona gara perché i giocatori non si allenano mai insieme visto che provengono da gruppi eterogenei che combattono in campo contro altre realtà come Perugia o Foligno che hanno settori giovanili di compagini di ben altro livello che partecipano a campionati nazionali o, nel caso di Perugia, alla Superlega.

In classifica Città di Castello ha 4 punti,2 in meno della capolista Sir.

Pallavolo serie C/F: blitz a Perugia, Città di Castello ancora in vetta alla serie C

Colpaccio della squadra femminile tifernate che espugna il palasport ellerino vincendo una gara che sulla carta presentava moltissime insidie in quanto difronte ad un team veramente di qualità superiore; le ragazze del tecnico Brighigna seppur in formazione rimaneggiata e con al debutto altre due giovani della formazione giovanile quali Giulia Ruggeri e Francesca Pettinari ( efficace al servizio) sono riuscite punto dopo punto e con la calma e la determinazione di una formazione ormai con una mentalità vincente a cucire con calma un ricamo che porta tre punti in classifica e che permette ancora alle biancorosse di stare lassù a respirare aria fine di altura. Tutto bello ed è per questo che bisogna godersi questo momento con la responsabilità ma anche con l’incoscienza che si sta facendo una cosa straordinaria opera del lavoro d’equipe di un gruppo giovane e veramente di qualità. La gara è stata lottata per tutti i set con un equilibrio costante; nel primo set le ospiti approcciano meglio alla partita, sono cariche e concentrate al punto giusto; verso la metà del set poi qualche difficoltà in una rotazione per le padrone di casa permette al Città di Castello di crearsi un vantaggio importante grazie anche ad una precisione a muro di Osakwe che inchioda letteralmente gli attaccanti; complimenti a Cindy, una delle migliori in campo. Nella seconda frazione black-out iniziale tifernate (12/1) set compromesso ma non e detta mai fine e le tifernati ricuciono un po’ ma mentalmente poi mollano e si impatta. Le atlete di Tomassetti, molto più esperte cercano di sfruttare il momento e far suo il terzo set ma le Giorgi’s friend a metà set ingranano una marcia in più e con le perugine sempre alle costole tagliano il traguardo per prime e vanno a condurre per 2/1. Entusiasmo e la giusta calma regna nel team di Brighigna, la quarta frazione è una battaglia iniziale con Tomassetti che ruota e cambia in continuazione la formazione mentre il tecnico tifernate sempre supportato con la statistica dallo scout Mandrelli cala due assi fondamentali nell’itinere della gara; entrano Gobbi e Pettinari, in due rotazioni diverse, al servizio ed affossano le padrone di casa. Ottimo risultato e possibilità di affrontare questa settimana di riposo senza gare, libere da stress partita, ma sempre pronte a ritornare in palestra a lavorare e mantenere alta l’attenzione già da lunedi; il mister non transige.

Corciano Ellera, 19/01/2019 ore 21.15 palasport Comunale Ellera
ELLERA VOLLEY PG – CITTA’ DI CASTELLO ……. 1/ 3
(17/25 25/16 22/25 20/25)
CITTA’ DI CASTELLO:, Fiorini 14, Osakwe 11, Mancini 9, Nardi 7, Giorgi S.5, Giorgi B., Gobbi 2, Giunti, Cesari (L1), Mariucci, Pettinari, Ruggeri,Coltrioli, Massetti (L2) . All. Brighigna – ass. Giombini – scout Mandrelli
( b p 7 – b e 11, muri 3, ric.p. 92%)
ELLERA VOLLEY PG: Polimanti 9, Servettini 3, Molinari 10, Zampini 5, Bianconi 2, Narciso 2, Verini Supplizi(L1), Maggi 1, Vibi, Ciliegi(L2), Messineo, Nofri Onofri. All. Tomassetti – ass. Pecetti – scout Macioni
( b p 5 – b e 14, muri 3, ric.p. 84%)
Arbitri: Hartlab Robert – Lupattelli Arianna

Pallavolo serie C/M: blitz a Perugia, Città di Castello ancora in vetta alla serie C

APD IACACT Perugia – PALLAVOLO CITTA’ DI CASTELLO 2-3 (25-21/15-25/25-15/13-25/11-15)

PALLAVOLO CITTA’ DI CASTELLO: Marini 4, Cipriani 20, Cherubini 8, Celestini A. 16, Sabatini 9, Riccardini 4, Monaldi 6, Cioffi (L), Pitocchi, Montacci, Nardi, Celestini E., Pierini, Cesari (L2). All. Bartolini.

Al termine di una partita strana ed altalenante Città di Castello esce vincente in rimonta dalla tana dell’APD Iacact Perugia e rimane al comando della classifica della Serie C regionale con un punto di vantaggio, e una partita in meno, sulla CLT Terni.

Primo set che si sviluppa con i perugini che si portano avanti e vengono poi avvicinati dai biancorossi di Bartolini sul 21-20. Il rush finale è però di Urbani e compagni che vanno sull’1-0. La reazione tifernate è veemente e il secondo set scorre via facile per Marini e compagni (15-25). I padroni di casa rendono pan per focaccia nella terza frazione e mettono con le spalle al muro il Città di Castello che si ritrova sotto 2-1 (25-15). Marini e compagni ingranano la quarta, lasciano a 13 punti Perugia nel quarto set e rimandano il verdetto al tie break. Il punto a punto rimane fino al cambio di campo poi Cipriani suona la carica e il successo finale arride ai biancorossi (11-15). Cipriani miglio realizzatore nelle fila del sestetto di Bartolini, seguito da un ottimo Celestini a quota 16. 

Pallavolo serie B1/F: carattere e gran lavoro in difesa e a muro: vittoria di squadra (3-0) della Piccini Paolo spa nel derby contro la Lucky Wind Trevi

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO – LUCKY WIND TREVI 3-0

(25-20, 25-17, 25-16)

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO: Betti, Borelli 8, Galetti (L) ricez. 67%, Mearini 15, Silotto 13, Tosti 19, Romani 5, Giordano 2. Non entrate: Marinangeli, Leonardi, Mezzasoma. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.

LUCKY WIND TREVI: Di Arcangelo, Della Giovampaola, Tiberi 3, Monaci, Ciancio (L) ricez. 71%, Roani 5, Capezzali 13, Cruciani 9, Sabbatini, Cappelli 4, Casareale. Non entrata: Patasce. All. Gian Paolo Sperandio e Albino Bosi.

Arbitri: Giorgia Adamo di Roma e Christian Battisti di Latina.

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 4, ace 2, muri 16, ricezione 71% (perfetta 38%), attacco 32%, errori 15.

TREVI: battute sbagliate 6, ace 1, muri 6, ricezione 64% (perfetta 25%), attacco 21%, errori 13.

Durata set: 27’, 28’ e 30’, per un totale di un’ora e 25’.

SAN GIUSTINO – La vittoria del carattere, del collettivo e della sua compattezza. La vittoria di una squadra che ha lavorato bene in battuta, a muro e soprattutto in difesa, dove tutte le singole si sono prodigate per non far cadere un solo pallone. Sostenuta da un PalaVolley più affollato del solito e da tutte le rappresentative giovanili che hanno sfilato negli intervalli fra i set, la Piccini Paolo spa San Giustino si è imposta nettamente per 3-0 nel derby umbro contro la Lucky Wind Trevi, scavalcandola in classifica e chiudendo la fase di andata del campionato di Serie B1 con un eccellente bilancio di 25 punti in 13 gare. Prestazione di alto livello da parte di tutte le atlete in nerofucsia, abili nel guadagnare sempre un buon margine di vantaggio al via di ogni frazione per poi contenere i tentativi di rimonta delle avversarie. La compagine di Marco Gobbini ha per giunta concluso una settimana non certo facile: l’attacco influenzale che aveva colpito Carlotta Romani si è infatti aggiunto alla perdurante indisponibilità dell’infortunata Elisa Mezzasoma, anche se la laterale marchigiana è scesa comunque in campo e ha fatto il suo. Capitan Silvia Tosti, autrice di 19 punti, è stata un’autentica trascinatrice in grande condizione di forma; le due centrali sono oramai una garanzia (15 punti e ben 7 muri vincenti di Valentina Mearini), ma una citazione particolare è doverosa per Giorgia Silotto, l’attaccante che da tre gare sta sostituendo Elisa Mezzasoma in posto 2 e che con 13 punti e 4 muri (più ottime difese) ha dimostrato di essere in netta crescita. Nel Trevi, ha alzato a tratti la voce l’opposto Alessandra Capezzali (13 punti), giocatrice dalle indubbie potenzialità e anche la centrale Corinna Cruciani ha spesso fatto ricorso alla sua esperienza, mentre è mancato l’apporto di Elena Cappelli, che contro il Cesena era stata fra le migliori.

Si comincia con Gian Paolo Sperandio, tecnico della Lucky Wind, che conferma in regia la fiducia ad Aurora Di Arcangelo; Alessandra Capezzali è l’opposto, Marina Tiberi e Corinna Cruciani formano la coppia centrale, Manuela Roani ed Elena Cappelli agiscono a lato e Sara Ciancio ricopre le mansioni di libero. Senza la Mezzasoma, coach Gobbini ripropone la diagonale composta da Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, con al centro Valentina Mearini e Francesca Borelli, alla banda Silvia Tosti e Carlotta Romani e libero Nayma Galetti. Equilibrio iniziale regnante fino al 5-5, con la Tosti che ha già scaldato la mano in attacco; dopo un muro della Borelli sulla Roani, è proprio il capitano a dare il via all’allungo di San Giustino, con l’ace della Borelli e il muro della Mearini che portano la situazione sull’11-6. Tentativo di reazione delle ospiti (la Roani va a segno in battuta), subito neutralizzato dal muro, che in questo frangente è l’arma in più della Piccini Paolo spa; in attacco, poi, la Tosti non perdona, colpendo anche con i pallonetti e in pipe. Il massimo vantaggio di +6 (17-11) è dimezzato da uno slash della Tiberi e Trevi arriva a ridurre il ritardo fino a -2, sul 16-18, per poi venire frenata da una schiacciata a segno della Silotto; la Romani e la Borelli in fast consentono alle locali di tenere il +3 e di affidare alla Mearini la free ball e il muro sulla Cruciani che chiudono il primo set sul 25-20.

Formazioni invariate nella seconda frazione, che vede protagonista la Silotto anche a muro e la fast fuori bersaglio della Cruciani fa scavare alla Piccini Paolo spa un altro piccolo fosso sull’8-4 in suo favore. È il momento buono per Giorgia Silotto, che firma di potenza e con un pallonetto i punti che permettono a San Giustino di andare sul 13-6, mentre dall’altra parte Sperandio ha già cambiato la palleggiatrice, inserendo la Monaci al posto della Di Arcangelo. Un nuovo muro della Mearini sulla Capezzali produce il massimo vantaggio sul 16-8 e di lì a poco la Casareale avvicenda la Cappelli nelle file della Lucky Wind, ma la retroguardia delle padrone di casa è impenetrabile e il grande lavoro è poi capitalizzato in attacco, dove la Borelli chiude un grande e prolungato scambio con la fast che vale il 18-10. A questo punto, Trevi recupera tre lunghezze per poi ridare successivamente fiato alla Piccini Paolo spa sull’errore in battuta della Cruciani. La Silotto c’è ancora per il 22-15, la Capezzali imita la Cruciani al servizio, servendo troppo lungo e altri muri chiudono i giochi sul 25-17: il primo è opera della Silotto, il secondo della Borelli sulla Capezzali.

Sperandio lascia in campo la Monaci ed è questa la novità saliente in avvio di terzo set, con la Piccini Paolo spa che si ripete: Mearini, Tosti e Silotto danno subito lo strattone, un attacco fuori bersaglio delle trevane firma il 6-2 e l’ace della Silotto, che aggiorna il punteggio sull’8-3, costringe la Lucky Wind a far rifiatare la Cappelli, sostituita dalla Sabbatini. Torna a ringhiare la Romani con due punti di fila (10-3) e neanche il time-out chiesto da Sperandio sortisce i suoi effetti, perché la difesa sangiustinese tiene sempre alta la guardia e le varie Mearini e Tosti si affidano alle loro doti migliori quando c’è da piazzare il tocco risolutore. Sul 15-9, tuttavia, una parallela della Capezzali giudicata buona restituisce la speranza a Trevi, che riduce le distanze per effetto anche di qualche errore sul versante locale e si riorganizza in difesa, nell’unico frangente in cui riesce a mettere alle corde la Piccini Paolo spa. Quando la schiacciata della Romani non supera la rete, il divario scende ad appena due lunghezze (18-16), ma è proprio in questo frangente che la formazione di Gobbini trova la freddezza per impostare l’allungo finale, partendo con una pipe della Tosti e proseguendo con un muro della Silotto sulla Cappelli, poi provvede involontariamente la Capezzali, che sullo scambio seguente non inquadra il campo. Ancora Silotto ed è 20-15, poi dall’altra parte della rete la Cruciani esce per far posto a Irene Della Giovampaola e subito dopo la Di Arcangelo rileva la Monaci, ma il match è oramai nelle mani di San Giustino, con la Tosti che provvede agli ultimi punti: suo anche il diagonale del 25-16 finale.

Clima di festa al PalaVolley per questa vittoria. E anche Marco Gobbini sorride: “Sapevamo che il Trevi è un’ottima squadra – esordisce il tecnico della Piccini Paolo spa – come sapevamo che se gli avessi lasciato qualcosa ne avrebbe subito approfittato. Era una partita che avremmo dovuto giocare molto in battuta e in difesa: in effetti, non abbiamo fatto cascare nulla. Sono contento anche perché siamo usciti al meglio da un’altra settimana complicata, con Carlotta Romani febbricitante e con Elisa Mezzasoma ancora ferma; speriamo di recuperarla al più presto. Oggi abbiamo dimostrato di essere un gran gruppo, mettendo in campo un carattere che si è evidenziato in difesa, dove abbiamo lottato persino su palloni impossibili”. I complimenti alla squadra arrivano anche dal presidente Marco Brozzi: “Gran bella prestazione delle nostre ragazze, sono state davvero brave”.

Pallavolo Città di Castello serie C/M: Tifernati a Perugia per rimanere in vetta

Altro scontro al vertice per la Pallavolo Città di Castello. Domani sera alle 20,30 i ragazzi di Marco Bartolini sfideranno la quarta forza della serie C, l’APD Iacact Perugia, già battuta all’andata per 3-0. La squadra biancorossa, dopo la giornata di riposo, ha tutta l’intenzione di continuare il cammino in vetta al campionato, senza però sottovalutare un sestetto avversario composto dal giocatori esperti e di lungo corso. Il Città di Castello s’è allenato duramente agli ordini di Bartolini e Monaldi in questi dieci giorni senza gare ufficiali, soprattutto per limare alcune criticità emerse nelle ultime gare in fatto di errori gratuiti in attacco ed anche al servizio. Peraltro, guardando la classifica, Marini e compagni hanno una gara in meno del Terni che segue a due punti di distacco e che quindi dovrà fermarsi prima del termine della regular season fissato per il 16 febbraio.

Probabile formazione: Marini, Cipriani, Cherubini, Celestini A., Sabatini, Montacci, Cioffi (L). A disp.: Riccardini, Pierini, Monaldi, Bacchi, Nardi, Celestini E., Cesari (L2). All. Bartolini

Pallavolo serie B1/F: Piccini Paolo spa San Giustino, al palavolley arriva la Lucky Wind Trevi

Dopo amichevoli, tornei e allenamenti condivisi, Piccini Paolo spa San Giustino e Lucky Wind Trevi si ritrovano per l’appuntamento che conta, quello con il campionato, giunto all’ultima giornata della fase di andata. Derby di cartello, quello di sabato 19 gennaio (inizio come sempre alle 17) sul taraflex del PalaVolley: è in palio – se vogliamo – anche la leadership fra le umbre del girone e finora è stata una serie di sorpassi e controsorpassi fra le formazioni di Marco Gobbini e di Gian Paolo Sperandio. A questa partita, le trevane si presentano con 2 punti in più rispetto alle sangiustinesi e con un quinto posto in classifica a -2 dalla zona play-off; d’altro canto, la Piccini Paolo sa che con una vittoria piena tornerebbe davanti alle avversarie e continuerebbe a rimanere in lotta per l’appendice di campionato che vale la promozione. Ma c’è di più: la Lucky Wind è reduce dalla netta affermazione per 3-0 sul forte Cesena, frutto di quella che le cronache hanno definito come la migliore prestazione fin qui messa in mostra; al contempo Tosti e compagne, pur perdendo per 1-3, hanno saputo mettere alle corde la capolista Macerata. Se insomma “tanto dà tanto”, la gara si preannuncia vibrante, intensa e soprattutto incerta nel pronostico: come dire che ci sta proprio di tutto fra due avversarie che oramai si conoscono fin troppo bene. Fra le novità del momento in casa Trevi, l’impiego in regia di Aurora Di Arcangelo con Alessandra Capezzali opposto, la coppia centrale confermata – ovvero Martina Tiberi e Corinna Cruciani – e le due bande di indubbio spessore che sono arrivate quest’anno: Manuela Roani ed Elena Cappelli. Completa lo scacchiere base il libero Sara Ciancio. Come si può notare, quindi, un 6+1 davvero rimarchevole, che si sta rendendo protagonista di una eccellente stagione, pur avendo a volte peccato in continuità. Per ciò che riguarda la Piccini Paolo spa, è l’atteggiamento del gruppo la grande dote che sta emergendo in un momento nel quale sul piano fisico la situazione non è ottimale; mettiamoci poi il fattore campo, che per San Giustino è sempre stato in valore aggiunto. Si capisce quindi che qualsiasi pronostico della vigilia potrebbe essere smentito dai fatti. Coach Gobbini riproporrà la diagonale con Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, il duo Valentina Mearini-Francesca Borelli al centro, capitan Silvia Tosti (grande ex di turno) e Carlotta Romani alla banda e Nayma Galetti libero, con Elisa Mezzasoma, Stefania Betti, Laila Leonardi e Giada Marinangeli pronte all’evenienza. La società San Giustino Volley conta anche su una buona affluenza di pubblico, che gli ultimi positivi risultati sono riusciti a stimolare. Coppia mista laziale designata per il match: primo arbitro Giorgia Adamo di Roma, secondo arbitro Christian Battisti di Latina. Sarà un pomeriggio a suo modo festa: per l’occasione, infatti, sfileranno in campo tutte le rappresentative giovanili del San Giustino Volley assieme al responsabile di settore, Francesco Moretti e ai rispettivi allenatori e dirigenti addetti; giusta passerella, quindi, per il gruppo del minivolley e per le compagini Under 12 bianca, Under 12-13 azzurra e poi Under 18, con una larga rappresentanza di ragazze che prendono parte anche al campionato di Serie D.

Pallavolo serie B1/F: Piccini Paolo Spa San Giustino, il dopo Macerata nelle parole di Silvia Tosti

È proprio destino che quando San Giustino incontra Macerata debba avere a che fare con assenze importanti. Stavolta il forfait è stato quello di Elisa Mezzasoma, lo scorso anno fu invece il giudice sportivo a togliere per squalifica Silvia Tosti, che però sabato scorso era in campo al Fontescodella. Non solo: è stata la miglior realizzatrice della Piccini Paolo spa con 14 punti. La schiacciatrice e capitano nerofucsia attraversa un periodo di forma senza dubbio eccellente e davvero poco ci è mancato che la squadra di Marco Gobbini arrivasse al tie-break nella tana della capolista, alla fine vincitrice del confronto con il risultato di 3-1. Anche a bocce ferme, tuttavia, la punta di amaro rimane. E allora, giriamo a Silvia Tosti la domanda secca: a Macerata una bella occasione perduta? “Sì, assolutamente – risponde senza alcuna esitazione – perché credo che se fossimo state a pieno regime ci sarebbe scappato il quinto set e magari anche un bel colpaccio. Sul 2-2, le pressioni per loro sarebbero aumentate. In condizioni di emergenza, come esattamente eravamo sabato scorso, il pronostico poteva essere favorevole a Macerata, ma per come sono andate le cose direi proprio di no. Certamente – questo bisogna ammetterlo – loro ci avevano studiato nei minimi dettagli”. A giudicare dai fatti, però, anche voi avevate fatte altrettanto. “Sì, è vero. Il problema è che nei momenti importanti del match noi abbiamo commesso qualche errore di troppo rispetto alle nostre avversarie. Il risvolto in positivo della situazione è dato dal fatto che siamo riuscite a giocare bene anche senza Mezzasoma, nel senso che la sua mancanza non ci ha condizionate. Lo ritengo un ulteriore segnale di maturità da parte del gruppo, anche se ovviamente confidiamo in un rapido ritorno di Elisa, della quale abbiamo bisogno”. Una conferma da Macerata è comunque arrivata: la Piccini Paolo spa è adesso un’altra squadra sul piano mentale. Condividi? “C’è un’altra convinzione e soprattutto c’è un altro spirito, specie fuori casa. Se ben ricordate, nella passata stagione abbiamo lasciato a desiderare in trasferta, quasi come se fossimo state due squadre diverse in base al fattore campo. Adesso no: ci siamo rese conto di potercela giocare e ancora la fase di andata non è terminata. Quattro soli punti di ritardo dalla zona play-off, con più di mezzo campionato ancora davanti, debbono stimolarci a lottare fino in fondo, nonostante dopo Macerata, Montale Rangone e Cesena vi sia Altino, altro grande incomodo che ha avuto finora un cammino altalenante. Diciamo che è tutta da vedere”. Anche perché di qui alla sesta di ritorno il calendario prevede 5 partite casalinghe su 7. “Sarà a suo modo determinante il risultato del derby di sabato prossimo, perché costituirà una grande iniezione di fiducia”. Già, al PalaVolley arriverà la Lucky Wind Trevi e proprio Silvia Tosti sarà la grande ex di turno. Come sorprendere una squadra che San Giustino conosce molto bene, anche perché in amichevole e in allenamento l’ha affrontata più volte? “Di sicuro, non ci sarà bisogno di visionare i filmati. Il bello è che nelle partite amichevoli abbiamo sempre pareggiato, per cui su questa sfida di campionato grava una grossa incognita. Il Trevi è una compagine equilibrata e con atlete di grande esperienza, alla quale è però mancato finora qualcosa a livello di continuità. Vogliamo una vittoria che faccia classifica e morale: anche la successiva pausa di metà campionato la potremmo di conseguenza vivere con un atteggiamento migliore”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: