Pallavolo serie B1/F: La Piccini Paolo spa San Giustino si conferma: 3-0 anche alla Eurosped Conero Ancona in poco piu’ di un’ora di gioco

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO – EUROSPED NUMANABLU CONERO PLANET ANCONA 3-0

(25-17, 25-12, 25-15)

PICCINI PAOLO SAN GIUSTINO: Betti, Borelli 9, Galetti (L) ricez. 75%, Mearini 10, Silotto 1, Tosti 10, Romani 9, Mezzasoma 16, Giordano 1. Non entrate: Marinangeli, Leonardi. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.

EUROSPED NUMANABLU CONERO PLANET ANCONA: Barzetti (L1) ricez. 65%, Alessandrini 8, Vescovi, Marcelletti 2, Giuliodori 4, Canonico 4, Bellucci 2, Rapisarda 1, Brutti (L2), Giombini 10. Non entrate: Da Col, Penna. All. Nicola Bacaloni.

Arbitri: Daniele Spitaletta di Firenze e Ivan Tizzanini di Lucca.

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 5, ace 6, muri 3, ricezione 55% (perfetta 31%), attacco 47%, errori 16.

ANCONA: battute sbagliate 4, ace 5, muri 4, ricezione 56% (perfetta 25%), attacco 23%, errori 21.

Durata set: 22’, 21’ e 22’, per un totale di un’ora e 5’.

SAN GIUSTINO – Ancora una vittoria per 3-0 – e di nuovo nell’arco di poco più di un’ora – per la Piccini Paolo spa San Giustino, al ritorno fra le mura amiche del PalaVolley. Terzo successo consecutivo e squadra di Marco Gobbini che continua a salire in classifica: anche contro la Eurosped Numanablu Conero Planet Ancona, è stata ripetuta la stessa prestazione messa in mostra a Perugia e a Moie, frutto in primis di un livello costante di concentrazione che sul campo si è tradotto in un eccellente lavoro difensivo e in una netta supremazia sui contrattacchi vincenti (45% contro appena il 19%), oltre che sulla prolificità offensiva globale, con un 47% di Tosti e compagne rispetto al 23% delle marchigiane. Altra arma decisiva è stata la battuta, con la quale San Giustino ha spesso disinnescato sul nascere i tentativi di attacco delle avversarie, impedendo ad esse di giocare soprattutto al centro. Ottime percentuali in attacco (più del 50%) per Elisa Mezzasoma e per una Silvia Tosti in stato di grazia; bene anche le centrali Valentina Mearini e Francesca Borelli, mentre sul fronte opposto è emersa in qualche frangente la qualità e l’esperienza di Erika Alessandrini. La giovanissima Nicol Giombini, chiamata anche stavolta a sostituire l’infortunata Valentina Da Col, non ha ripetuto la performance della precedente gara interna contro Empoli.

Nicola Bacaloni, coach anconetano, schiera Rapisarda in regia, Alessandrini opposto, Giuliodori e Canonico al centro, Bellucci e Giombini a lato e Barzetti libero. Risponde il collega Marco Gobbini con la diagonale Giordano-Mezzasoma, la coppia centrale Mearini-Borelli, Tosti e Romani in posto 4 e Galetti libero. Piccini Paolo avanti fin dalle battute iniziali con la Mezzasoma subito in palla e con una battuta che mette in crisi la ricezione ospite. Sul 7-3 per le locali, primo time-out chiesto da Ancona, che torna a -1 per un paio di errori della Romani, poi però un pallonetto a segno della Mezzasoma dà il via al break di San Giustino, che grazie a una Tosti in forma arriva a +6 (15-9), lasciando alla Mearini – con un primo tempo e con in pratica tre ace consecutivi – il compito di allargare il divario fino al 20-11. La Eurosped Conero ha un piccolo sussulto nel finale, prima che la pipe della Mezzasoma chiuda il discorso sul 25-17.

Formazioni invariate all’inizio della seconda frazione, che un attacco della Tosti e un ace della Giordano aprono con un 2-0 d’acchito; al resto, provvedono la difesa e i contrattacchi implacabili della Mezzasoma. Sul 6-1, due primi tempi della Canonico ridestano le marchigiane fino all’8-5, perché una doppia in palleggio fischiata alla regista Rapisarda e un prodigioso intervento difensivo di piede della Mezzasoma – dal quale si origina un altro punto – fanno capire che la Piccini Paolo ha ripreso in mano la situazione: la Borelli comincia a pizzicare, la difesa non fa cadere una palla e un tocco morbido della Tosti firma il 13-6. Replica la Alessandrini con un paio di punti, ma in fase di impostazione l’Ancona evidenzia scarsa lucidità e allora Bacaloni toglie in regia la Rapisarda per fare posto alla Marcelletti, anche se il set evolve oramai in netto favore di San Giustino: la Mezzasoma piazza il diagonale del 19-9 per poi rifiatare e lasciare il posto a Stefania Betti, la Romani e la Tosti (ace) accompagnano la squadra a quota 24. La nuova entrata Marcelletti, autrice di un punto in battuta, sbaglia il servizio successivo e consegna il 25-12 alla Piccini Paolo, che va sul 2-0.

La Marcelletti resta in campo: c’è dunque una novità nel 6+1 iniziale del terzo set fra le file della Conero Ancona. Ed è proprio un ace con l’ausilio del nastro da parte della stessa palleggiatrice a portare la sua squadra sul 2-0, con la Alessandrini che contribuisce a tenere il piccolo break fino a quota 5: da una sua conclusione fuori bersaglio nasce il 5-5 della Piccini Paolo, che con la Mezzasoma al servizio riesce a mettere insieme un parziale di 10-0, determinato da fra qualche pasticcio delle anconetane, dalla solita impenetrabile retroguardia e dai meriti di una Borelli che in fast non fallisce un colpo. Torna in campo la Rapisarda per Ancona e lo slash della Borelli perfeziona la striscia positiva sangiustinese con il punto del 13-5. La Borelli è sempre incontenibile sulle fast e Giorgia Silotto, appena entrata in luogo della Tosti, si presenta subito con un attacco vincente. Sul 18-9, torna la Marcelletti per la Rapisarda e la Giombini reagisce con due ace di fila che costringono Gobbini a chiedere l’unico time-out di tutta la partita. Siamo alle battute finali: breve cambio nella Conero con il fugace ingresso della ex di turno, Gemma Vescovi, ma manca solo l’atto finale, che arriva su un errore al servizio della Bellucci e, con il 25-15 che matura, San Giustino raccoglie l’applauso di un pubblico più numeroso del solito sui gradoni del PalaVolley.

Sembra felicemente il replay di un film che va in onda da tre sabati consecutivi: “La squadra ha sempre tenuto alto il livello di concentrazione – commenta Marco Gobbini, allenatore della Piccini Paolo – e questo è frutto del gran lavoro che fra palestra e campo svogliamo in settimana. Spero che la squadra continui su questo binario: non incappare più in pause di rendimento e non incassare più break avversari è indice di crescita. Bene la battuta e la difesa, ma il vero “fondamentale” di successo è il gruppo; se andiamo avanti così, ci potremo togliere numerose soddisfazioni e stare nell’elite della classifica”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.