Artiamo a Palazzo Pretorio fino al 30 maggio. Mostra realizzata dai bambini della primaria e dell’infanzia

Artiamo è la mostra realizzata dai bambini della primaria e dell’infanzia di Sansepolcro. Un percorso che spazia da Piero della Francesca a Leonardo da Vinci e che include anche i grandi artisti del secolo scorso, un progetto che chiude un anno scolastico molto positivo e che ha visto tutti gli alunni partecipare attivamente, entusiamo e passione,alle varie iniziative organizzate dai docenti.

Annunci

Un successo, il primo trofeo Sensas, svolto lo scorso week end ai laghi Cospaia e Fuscagna

Oltre 60 pescatori, provenienti da molte localiotà del centro Italia, hanno dato vita nello scorso week end alla prima edizione del trofeo Sensas, che si è svolto nei laghi di Cospaia a San Giustino e Fuscagna a Città di Castello, una gara condizionata dal maltempo, ma che è stata comunque di altissimo livello

Pallavolo serie B/M: Sia coperture San Giustino, vittoria di cuore a Pineto

Serviva una reazione alla serie di risultati poco convincenti di questo
2019, gli addetti ai lavori invocavano una virata decisa ed una svolta,
l’avversario era uno dei più impegnativi da affrontare, la trasferta era
in uno dei palazzetti più “caldi” del campionato : a Pineto, in un
palazzetto pieno, la Sia Coperture Pallavolo San Giustino riesce
nell’impresa, sciorinando una prestazione fatta di abnegazione e massimo
impegno, grinta e grande cuore, trovando nelle difficoltà la forza di un
gruppo vero, che non ha alcuna intenzione di mollare la presa sulle
posizioni che contano. Il risultato finale, dopo più di due ore
incandescendi di partita, è 3 a 2 in favore degli ospiti umbri e a fine
gara è festa grande per il gruppo allestito dal Ds Maric e guidato da
coach Sideri.

Gara avvincente, fatta di sorpassi e controsorpassi, con azioni lunghe e
divertenti, seguite con passione dal numeroso pubblico che però non è
riuscito a deconcentrare Ramberti e compagni, capaci di recuperare due
volte lo svantaggio, risultato del primo e terzo set persi, ed imporsi
con autorevolezza al Tie break.

La blueitaly Pineto Volley ha a disposizione tutti gli effettivi e coach
Pasquali manda in campo il sestetto base : Catone al palleggio e Bulfon
opposto, Di Meo e Porcinari in banda, Hoxa e Picardo al centro,
Cacchiarelli libero.

La Sia Coperture Pallavolo San Giustino deve far fronte alla pesante
assenza di Stoppelli, bloccato dall’influenza, e le condizioni fisiche
precarie di altri effettivi : coach Sideri schiera Ramberti in diagonale
a Puliti, Conti e Thiaw schiacciatori, Antonazzo e Landini al centro,
Boriosi libero.

Primo set che vede esprimere un buon gioco in cambio palla da entrambi i
team, ne consegue una battaglia punto a punto fino allo strappo
pinetese. A nulla serve l’ingresso del Jolly Zangarelli al posto di
Landini, Bulfon è infermabile da posto due e porta in vantaggio i
padroni di casa 25-21.

Il secondo set inizia sulla falsa linea del primo, fino al 10 pari si
gioca punto su punto, ma è una serie in battuta di Thiaw a mettere in
crisi la ricezione di Pineto, creando un break incolmabile. Matricardi
rileva in regia a fine set Catone, ma ormai le redini del gioco sono in
mano a Ramberti e compagni che possono condurre agevolmente il set a
loro vantaggio, chiudendo 15-25.

Terzo set precisa immagine riflessa del primo, con una prima parte di
parziale in equilibrio, è poi Di Meo a propiziare il vantaggio locale,
letale in battuta e concreto in contrattacco. Pineto torna avanti,
aggiudicandosi il set per 25-19.

San Giustino non ci sta a capitolare e rientra in campo concentrata, con
Puliti e Conti sugli scudi ad arginare gli attaccanti pinetesi. La Sia
fa il break iniziale, poi però l’ingresso di Ntotila nelle fila del
Pineto a rilevare Porcinari crea problemi alla correlazione muro difesa
di San Giustino, fino a quel momento ordinata come poche altre volte.
C’è il sorpasso della squadra di coach Pasquali che riesce a portarsi
sul 24-22, con ben due match ball su cui poter contare : è però Conti,
dalla linea dei nove metri, a pareggiare i conti. In questo frangente
gli animi si scaldano per una decisione arbitrale, tanto da portare una
espulsione comminata ai danni dell’opposto Bulfon, la tanta agitazione e
gli errori nella metà campo locale da poi la possibilità alla Sia di
allungare la gara al quinto set : 25-27 e verdetto rimandato al Tie
Break.

Sente sapore di colpaccio la squadra guidata da coach Sideri che non si
vuol far sfuggire la ghiotta occasione di violare per la prima volta nel
campionato la casa della seconda forza del campionato : partono subito
forte Ramberti e compagni, cambiando campo con un vantaggio rassicurante
e chiudendo ancora meglio il set con l’attacco di Puliti che chiude la
contesa, 5-15, facendo esplodere la gioia nella panchina umbra, con i
“boys” che possono festeggiare tutti insieme questo importante e
meritato successo.

Blueitaly Pineto Volley : Bulfon 25, Di Meo 22, Porcinari 8, Picardo 6,
Hoxa 1, Catone, Cacchiarelli (L), Ntotila 7, Matricardi 1, Ridolfi 1,
Fortuna, Evangelista, Tiraboschi(L2). All. Pasquali

Sia Coperture Pallavolo San Giustino : Puliti 31, Conti 20, Thiaw 7,
Ramberti 3, Antonazzo 2, Landini, Boriosi(L), Zangarelli 5, Celli,
Giunti, Marconi, Benedetti, Buttarini(L2). All. Sideri

Ufficio stampa Pallavolo San Giustino

Pallavolo serie B1/F: importante test per la Piccini Paolo spa San Giustino sul difficile campo di Castelfranco di Sotto

A Castelfranco di Sotto per una riprova di quelle che contano. La seconda di ritorno del campionato di Serie B1 femminile vede la Piccini Paolo spa San Giustino di scena al PalaBagagli (ore 18 di sabato 9 febbraio) contro un’avversaria diventata oramai tradizionale, la Videomusic di coach Menicucci, altra squadra solida anche perché forte di un gruppo ben cementato. Nei tre precedenti anni, le pisane hanno sempre concluso nella parte nobile della classifica e francamente stupiva il fatto che all’inizio stentassero a ingranare, anche se tutti avevano la convinzione che sarebbero senza dubbio risalite, come poi i fatti stanno confermando: vittorie contro Perugia ed Empoli (fuori casa) e colpaccio sfiorato a Cesena, dove si erano trovate in vantaggio per 2 set a 0. La caratura delle singole è nota: Lippi in regia, Torrini opposto, Andreotti e Colzi centrali, Ristori Tomberli e De Bellis a lato e Tamburini libero. Tutte giocatrici che “masticano” la B1 da tempo e che, se in giornata di grazia, possono far male a chiunque. Dopo la coppiola casalinga che ha fruttato il massimo profitto, Tosti e compagne sono chiamate a dimostrare il loro valore anche lontano dal PalaVolley in una partita che costituisce in tal senso un ottimo termometro. Il tecnico Gobbini è riuscito a trovare la giusta chimica e le nerofucsia, nonostante l’assenza di Elisa Mezzasoma (che è tutto dire!), hanno ugualmente trovato un mix di equilibrio contenente grinta, concentrazione, compattezza, divertimento e autostima, in un contesto scevro da tensioni di qualsiasi genere. Quella di Castelfranco di Sotto può essere allora una tappa chiave per appurare se la Piccini Paolo spa ha le credenziali necessarie per guadagnarsi un posto nei play-off: non ci sarà bisogno di prodezze particolari, ma solo di ripetere l’atteggiamento tenuto nelle ultime partite e di mettere a frutto le tre armi che stanno facendo la differenza, ovvero battuta, difesa e muro. Pur con un’altra settimana di recupero a suo vantaggio, nel corso della quale ha ricominciato a ricaricare il braccio, Elisa Mezzasoma non sarà inizialmente della partita e nel ruolo di opposto è pertanto confermata la positiva Giorgia Silotto, in diagonale con la palleggiatrice Benedetta Giordano; nessuna variazione nemmeno nelle altre mansioni: Valentina Mearini e Francesca Borelli al centro, Silvia Tosti e Carlotta Romani a lato e Nayma Galetti libero. A disposizione ci sono Elisa Mezzasoma, Stefania Betti e Laila Leonardi. Alla coppia designata per la direzione del match non è tuttavia legato un precedente positivo: il primo arbitro Marco Bertonelli di Pisa e il secondo arbitro Stefano Nadotti di Massa Carrara erano infatti anche a Capannori nella giornata inaugurale di campionato, ma può essere un motivo in più per dare ancora una volta il massimo.

Pallavolo serie B1/F: Marco Gobbini Piccini Paolo spa “momento positivo, andare avanti con lo stesso spirito senza guardare la classifica”

Dopo la prima giornata di ritorno – e con una perfetta parità fra gare disputate in casa e in trasferta – parola a Marco Gobbini, allenatore di una Piccini Paolo spa San Giustino che ha agguantato la quarta posizione nella classifica del girone C di Serie B1, anche se diventa la quinta perché la Di Carlo Altino, a parità di punti, ha una vittoria in più rispetto alle nerofucsia. Il bilancio attuale è di 28 punti in 14 gare, pari a una perfetta media di 2 a partita. Niente male, vero? “Sì, è indice di un cammino positivo – risponde Gobbini – anche se non dobbiamo soffermarci a guardare la classifica, ma preoccuparci ogni volta di giocare al massimo. Il nostro segreto è quello di vivere alla giornata, andando in campo con lo spirito che ci contraddistingue”. Uno spirito mutato all’indomani del ko interno per opera del Cesena, tanto che viene da pensare: fosse stato così dalla prima giornata? “Inutile stare a rivangare: i “se” e i “ma” non contano. In fondo, c’era da creare anche il giusto amalgama fra le giocatrici confermate e le nuove, per cui avremmo dovuto mettere in conto un inizio meno brillante”. Tornando alla classifica, c’è una colonna nella quale la Piccini Paolo spa è leader: quella dei punti subiti. Con 929, è la squadra che ha il totale più basso e quindi quella con la difesa più forte. Il lavoro di Gobbini sta dando i suoi risultati? “La difesa deve essere la nostra principale prerogativa, ma le ragazze lo sanno benissimo. Dobbiamo allora continuare a raccattare più palloni possibile, ma anche una difesa attenta serve a poco se poi non c’è la capacità di ricostruire e di contrattaccare con efficacia. Sui secondi tocchi sto insistendo moltissimo, al punto tale che anche Nayma Galetti e Valentina Mearini possano fungere all’evenienza da palleggiatrici”. L’obiettivo attuale è il recupero di Elisa Mezzasoma? “A dire il vero, è la gara di Castelfranco di Sotto, trattandosi ovviamente dell’appuntamento più immediato. Elisa sta pian piano recuperando: ha ricominciato ad attaccare e penso che il rientro sia per lei oramai vicino, anche se debbo dare atto a Giorgia Silotto di averla sostituita molto bene nel ruolo di opposto. Contro Trevi e Capannori, è stata decisiva, nonostante sia il meccanismo di squadra a funzionare nel modo migliore”. Sabato prossimo, come anticipato, match a Castelfranco di Sotto. Un bell’esame di maturità per la squadra? “L’ho sempre detto, anche quando la compagine toscana stentava sul piano dei risultati e occupava i bassifondi della classifica: non ci facciamo illusioni, perché il Castelfranco risalirà la china. D’altronde, è un gruppo forte e compatto, oltre che consolidato: quasi lo stesso dell’anno passato che si è classificato al quinto posto, con centrali e laterali dei indubbio valore. Ha battuto in ultimo Perugia ed Empoli e anche a Cesena è caduto al tie-break dopo che conduceva per 2-0. È una squadra che gioca bene, facendosi rispettare sul proprio campo”. Cosa potrà succedere di qui alla fine del torneo? O meglio, dove può arrivare la Piccini Paolo spa? “Pensiamo intanto a Castelfranco e poi niente tabelle e programmi. L’importante è andare in campo con quell’atteggiamento che adesso ci sta dando ragione, poi vedremo. Siamo a -3 dalle posizioni play-off e posso garantire che fino all’ultimo non molleremo

Pallavolo serie C femminile. La Season Chiusi vince al fotofinish con Citta’ di Castello

Dopo oltre due ore e mezza di una gara avvincente e spettacolare sviluppatasi con due volti diversi le ospiti di mister Cacciatore prevalgono sulle biancorosse di mister Brighigna solamente dopo un tie-break giocato punto a punto e terminato con un entusiasmante finale. Scendono in campo due delle formazioni migliori del momento, non per niente guidano appaiate il campionato; la Season Chiusi è un team di qualità superiore, quadrato nei reparti e con ottime individualità ed esperienza delle singole da far invidia; il Città di Castello risponde con il solito team giovane ma con margini di crescita da sviluppare e valido in prospettiva. La gara è sentita, regna tensione nelle due squadre e nel primo set chi paga dazio sono le biancorosse di casa che vengono sopraffatte dalla tensione e non riescono ad esprimersi al meglio anche per merito delle chiusine che sono impeccabili in tutti i fondamentali; dopo 25 minuti si è sotto di un set. La situazione non cambia nel secondo set, il Città di Castello risulta impreciso, la palla non riesce a cadere nonostante gli attaccanti martellino da tutte le posizioni; Chiusi difende bene applicando un’ottima correlazione muro-difesa; 30 minuti di sofferenza e si è sul 2/0. Mister Brighigna richiama la propria formazione ad ordine e gioco lineare; le ragazze al ritorno in campo trovano buone giocate e torna serenità e punti; si lotta punto a punto con le ospiti che non mollano di nulla ma le tifernati sono cariche e determinate e con ottime bordate dalle bande arrivano prime e riducono lo svantaggio.  Le ospiti perdono sicurezza ed alcune certezze, in campo biancorosso inizia a funzionare la correlazione muro difesa che fino a quel momento aveva lasciato a desiderare, e gli attaccanti si fanno sentire esplodendo a più riprese colpi pesanti; mezz’ora di gioco con scambi esaltanti e di bella pallavolo che galvanizza il numeroso e rumoroso pubblico del palaJoan  e si impatta il risultato. Bisogna giocarsi il primo posto del girone, gioco forza, al tie-break; partono bene le tifernati che girano in vantaggio e restano avanti fino al tredici; finale da brividi, entusiasmante, 14/14 e 15/15, poi due ottime giocate ospiti decretano la fine della bellissima competizione. Al di là del risultato finale che premia le vincitrici e lascia amaro in bocca alle sconfitte resta una gara di alto livello e qualità che comunque serve e servirà tantissimo, in prospettiva di un finale di campionato sicuramente interessante ed avvincente.

 

Città di Castelloi, 02/02/2019 ore 17.30  – palazzetto dello sport  Andrea Joan

CITTA’ DI CASTELLO- SEASON VITT CHIUSI ……. 2 / 3

(17/25   21/25   25/23   25/18   15/17)

CITTA’ DI CASTELLO: Fiorini 24, Mancini 19, Nardi 15, Osakwe 5, Giorgi 4, Gobbi 3, Cesari (L1), Giunti 1, Massetti(L2),  Mariucci, Rossi 2, Pettinari 2, Pecorari.  All. Brighigna – ass. Giombini – scout Mandrelli

CHIUSI: Degli Innocenti 17, Cerbella 13, Meconcelli 11, Giacobbe 10, Franceschini 4, Bragetta 3, Mannelli (L1), Cassettoni, Fei, Chechi, Giulianelli, Mercanti, Trombacco, Schiavetti (L2). All. Cacciatore – dir. Franceschini

Arbitri:  Bianchi Alessandro, Hertlab Robert

Pallavolo serie C/M: Foligno amara, per Città di Castello

ITALCHIMICI FOLIGNO – PALLAVOLO CITTA’DI CASTELLO 3-0 (25-22/25-22/25-17)

PALLAVOLO CITTA’DI CASTELLO: Marini 2, Cipriani 11, Cherubini 9, Celestini A. 8, Sabatini 2, Raffanti 4, Cioffi (L), Pierini, Riccardini, Montacci, Bacchi, Monaldi, Pitocchi, Cesari (L2). All. Bartolini.

B.v. 4, b.s. 8, muri 4.

Terza sconfitta stagionale per il Città di Castello Pallavolo nel campionato di serie C. I tifernati vengono battuti ed agganciati al comando della classifica dall’Italchimici  Foligno che disputa una partita perfetta ed infligge il primo 3-0 stagionale ai ragazzi di Bartolini. 

Padroni di casa e Città di Castello si sono dati battaglia nei primi due set che sono terminati sul filo di lana poi nel terzo i folignati hanno preso in mano fin dai primi scambi le redini del parziale e non le hanno più mollate. Come aveva detto Marco Bartolini in sede di presentazione, gli innesti avvenuti nel corso della stagione hanno dato grande sprint al sestetto folignate e così si è dimostrato in campo. Il Città di Castello ha offerto comunque per larghi tratti del match una buona prestazione anche se qualche meccanismo non ha funzionato come lo staff tecnico si aspettava. Gli ultimi due impegni per Marini e compagni saranno decisivi per il primo posto nella regular season: al palaJoan saliranno Spoleto e Cascia che si trovano nelle zone meno nobili della classifica. 

Pallavolo serie B1/F: Piccini Paolo spa, archiviata la pratica Capannori, in tre soli set

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO – BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI  3-0

(25-12, 25-17, 25-18)

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO: Betti 2, Borelli 7, Galetti (L) ricez. 83%, Mearini 10, Silotto 12, Leonardi, Tosti 7, Romani 7, Giordano 7. Non entrate: Marinangeli, Mezzasoma. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.

BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI: Miccoli, Magnelli 6, Lunardi 2, Renieri 12, Migliorini 2, Roni 5, Bresciani 1, Becucci 8, Battellino (L) ricez. 57%. All. Sandro Becheroni e Matteo Lupetti.

Arbitri: Denise Galletti di Catania e Daniele Amenta di Siracusa.

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 4, ace 7, muri 6, ricezione 73% (perfetta 40%), attacco 36%, errori 12.

CAPANNORI: battute sbagliate 4, ace 3, muri 4, ricezione 37% (perfetta 12%), attacco 29%, errori 19.  

Durata set: 20’, 22’ e 24’, per un totale di un’ora e 6’. 

SAN GIUSTINO – La Piccini Paolo spa San Giustino vince ancora e inizia al meglio la fase di ritorno del campionato di B1 femminile. Pur continuando ad avere Elisa Mezzasoma soltanto in panchina (ma l’opposto perugino sta recuperando la condizione), le nerofucsia si sono imposte per 3-0 in un’ora e 6 minuti di gioco nei confronti della Bionatura Nottolini Capannori, scesa in campo al PalaVolley con le pesanti assenze della laterale Chiara Puccini e delle centrali Erika Mutti e Cecilia Batori, tutte bloccate dall’influenza. Un match che Tosti e compagne hanno controllato dall’inizio alla fine, facendo leva sull’efficacia in battuta (ben 6 ace da parte di Benedetta Giordano), che ha messo in seria crisi una ricezione avversaria ferma al 37% e sul lavoro difensivo che ha consentito di costruire gli allunghi decisivi in ogni set della partita. Soltanto il forte opposto Sofia Renieri, autrice di 12 punti – e in qualche frangente la laterale Giada Becucci e la centrale Arianna Magnelli – hanno tenuto in piedi la formazione toscana. In casa sangiustinese, oltre alla solita positiva prestazione del collettivo che ha mandato a punto le giocatrici in misura più omogenea del solito, nuova meritata citazione per Giorgia Silotto: scesa in campo nonostante il lutto che ha colpito la sua famiglia, l’attaccante veneta è stata la “top scorer” della Piccini Paolo con 12 punti personali.

Sandro Becheroni, coach della Bionatura, deve fare di necessità virtù e opta in regia per Francesca Bresciani con Sofia Renieri opposto, mentre al centro – dove mancano due titolari – schiera la giovanissima Giulia Lunardi (classe 2003) assieme ad Arianna Magnelli; a lato c’è Giada Becucci assieme a Beatrice Roni e libero è Ilaria Battellino. In casa San Giustino, il 6+1 è quello annunciato: diagonale composta da Benedetta Giordano assieme a Giorgia Silotto, al centro Valentina Mearini e Francesca Borelli, a lato Silvia Tosti e Carlotta Romani e libero Nayma Galetti. L’inizio è equilibrato, con Capannori che mette il naso avanti sul 3-2 e le padrone di casa che replicano subito; la Roni firma la parallela del 6 pari e allora la compagine di Marco Gobbini capisce che bisogna cominciare a difendere: una conclusione dalla seconda linea della Silotto e una parallela della Tosti, al termine di un lungo scambio con pregevoli interventi da una parte e dall’altra, danno il via alla fuga della Piccini Paolo, che arriva fino al massimo vantaggio di +13 (21-8) grazie in primis a un turno in battuta della Giordano che si rivela devastante; la giovane palleggiatrice realizza 4 ace quasi consecutivi (un fallo di posizione in mezzo alle sue performance al servizio) e poi la Silotto e la Tosti impinguano il bottino. Entrano per San Giustino la regista Laila Leonardi – ordinata anche lei – e l’opposto Stefania Betti, che porta le compagne a quota 24 con un preciso pallonetto, poi la battuta lunga al salto della Renieri chiude il set sul 25-12 per la Piccini Paolo spa.

Formazioni invariate all’inizio della seconda frazione, inaugurata da un altro ace della Giordano al quale risponde subito Capannori, che va sul 2-1 in suo favore per un pallone a rete della Tosti, ma una insistita azione risolta dalla Romani e un muro della Mearini sulla Renieri ribaltano subito il punteggio, anche se una successiva murata sulla Romani permette alle ospiti di agguantare il 5-5. San Giustino riaggiusta quindi la difesa (ancora una volta superlativo il libero Nayma Galetti) e il muro della Borelli sulla Becucci costringe Becheroni a chiedere il time-out sul 9-6. Due errori della Silotto e della Borelli riavvicinano la Bionatura Nottolini, prima di un nuovo piccolo break delle locali (13-9), con la Giordano che piazza l’ennesimo ace. Il divario oscilla fra le 2 e le 3 lunghezze fino all’ace della Renieri che riporta Capannori a -1 (15-16) e che consiglia anche a Gobbini di chiedere la sospensione. Time-out provvidenziale: al rientro in campo, San Giustino dà lo strattone con un pallonetto della Borelli, più un ace della Romani a fil di rete e sulla zona di conflitto avversaria, poi la Giordano – favorita da un’alzata imprecisa dell’altra collega – si trasforma in schiacciatrice e appone il sigillo del 19-15. La pipe a rete della Renieri, il muro della Mearini sulla Roni (siamo sul 22-14) e il colpo preciso della Silotto scrivono i titoli di coda anche su questo set, completato da un attacco fuori bersaglio della Roni e da un primo tempo della Mearini per il 25-17 finale. 

In avvio di terzo set, Becheroni schiera in regia Sofia Migliorini, ma il leit-motiv non cambia; anzi, la Piccini Paolo spa parte sparata con un 4-0 d’acchito (slash della Mearini seguito da un potente diagonale stretto della Silotto) e la sola Renieri, che ha iniziato a scaldare la mano a dovere, tenta di suonare la riscossa per le lucchesi, anche se il muro sulla Becucci e il tocco a sorpresa della Migliorini che non supera la rete, dopo un altro prolungato scambio che esalta le doti del libero sangiustinese Galetti, fanno capire che non ci sarà storia nemmeno stavolta. Ad acuire la situazione sono le due parallele spedite fuori dalla Roni, nonostante la Renieri non si arrenda, promuovendo un tentativo di recupero della sua squadra che si arena sul –4 (10-14). Provvede infatti la Silotto, con quattro prodezze in totale, a scavare un autentico fosso, fino al 20-14. Nel finale, spazio di nuovo alla Leonardi e alla Betti, che si prende lo sfizio di siglare l’ultimo punto, quello del 25-18, con un efficace mani fuori da posto 2.

Marco Gobbini dispensa ancora elogi alle ragazze per l’atteggiamento tenuto e per il risultato conseguito: “Poco conta, sotto certi aspetti, che dall’altra parte non ci fossero state la Mutti e la Puccini – ha dichiarato l’allenatore della Piccini Paolo spa – perché comunque la partita avremmo dovuto giocarla e vincerla. E anche stavolta senza la Mezzasoma. Il Capannori si è confermato squadra ostica e se anche alcuni frangenti di gioco non sono stati brillanti come in altre occasioni, è pur vero che in battuta abbiamo punzecchiato e che con la difesaattenta abbiamo preso sempre il via. D’altronde, la retroguardia deve essere il nostro punto di forza”. Un’altra affermazione di squadra, aspettando Elisa Mezzasoma. “Sì, il gruppo è davvero coeso e “Mezza” ha ricominciato a schiacciare in allenamento. Questione di giorni e la riavremo su livelli più consoni al suo standard, anche se Giorgia Silotto continua a crescere sempre più ed è stata molto brava e incisiva in una giornata per lei molto triste”.

Pallavolo Città di Castello: big match a Foligno per la serie C maschile

Difficile impegno in trasferta perla Pallavolo Cittàdi Castello nel campionato di serie C maschile. I ragazzi di Marco Bartolini saranno di scena a Foligno contro l’Italchimici per quello che è il big match di giornata e uno scontro diretto importantissimo in vista delle posizioni migliori per i play off. I folignati seguono in classifica il sestetto tifernate di tre lunghezze e con lo stesso numero di partite giocate. In questa fase della stagione l’Italchimici può contare sull’apporto di Piersanti, che assieme ad altri giocatori di grande esperienza offrono un valore aggiunto alla squadra. Marco Bartolini evidenzia le difficoltà della gara:<<Noi abbiamo offerto prestazioni convincenti ed altre a tratti meno convincenti come con la Sir nei primi due set. Poi appena abbiamo preso consapevolezza dei nostri mezzi siamo andati alla grande. Cerchiamo sempre di sopperire all’assenza di Marino, sia in allenamento che in partita, quindi abbiamo dovuto modificare  alcuni aspetti del nostro gioco. Siamo consapevoli che loro vorranno agguantarci in classifica e noi faremo di tutto per tenerli a debita distanza>>.

Cosi in campo: Marini, Cipriani, Cherubini, Celestini A., Sabatini, Riccardini, Cioffi (L). A disp.:Montaci,Monaldi, Pierini, Bacchi, Celestini E., Cesari (L2),Pitocchi. All. Bartolini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: